Risi e Bisi

Vado da mia mamma, è quasi l’una e sta guardando “La prova del cuoco”. Quasi non mi saluta e mi chiede subito, forse per paura di dimenticarsene, “conosci un’erba che si chiama…” si alza e prende un foglietto dove si era appuntata il nome del misterioso ortaggio “…agretti?”. Sì, le rispondo, guarda caso li ho cotti proprio stamattina, stasera voglio farli con un bell’ovetto in camicia. Mi guarda meravigliata (nella sua lunga esperienza di massaia non li aveva mai sentiti nominare) ma soddisfatta (ha una figlia che conosce anche piante che chissà da dove vengono).  Allora io cavalco l’onda della reputazione che mi sono appena fatta e le chiedo se abbia mai cucinato i baccelli dei piselli. “Ah no di certo!”

(altro…)

Tortelloni di ricotta e mascarpone con asparagi e limone

“Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi” recita un vecchio detto. Concetto che potremmo trasferire, stiracchiandolo un po’, anche ai menù delle due festività in questione. A Natale, almeno da noi, è d’obbligo portare in tavola un bel brodo con gli immancabili anolini mentre a Pasqua le maglie delle regole si allargano e si può giocare con qualche idea nuova.

La tradizione comanderebbe ugualmente anolini in brodo ma le variazioni sul tema sono generalmente ben tollerate, soprattutto se fa bel tempo. La primavera ci impone il rinnovamento, o no? Però, se vogliamo preparare un pranzo coi fiocchi, un piatto di pasta fresca ripiena fa sempre la sua bella figura. Allora prepariamo un ripieno delicato, morbido

(altro…)

Pasta e Ceci in Vasocottura

Pasta e Ceci in vasocottura

Possibile che proprio io non avessi ancora pubblicato la ricetta della pasta e ceci? Pare possibile, sì, per questo corro ai ripari e ve la propongo anche se in una versione non strettamente tradizionale. Il sapore è garantito, è solo il procedimento che cambia.

Conoscete la vasocottura? è un sistema molto pratico di cucinare, tutti gli ingredienti insieme in un barattolo e poi via nel forno, nel microonde o a bagnomaria. Si evita di usare la pentola per l’acqua, il tegame per il sugo, lo scolapasta e pure i piatti dei commensali. Sì, perchè in questo caso, oltre che usare il vasetto per cuocere ce lo portiamo poi al pic-nic, così ognuno avrà la sua porzione di pasta e ceci da gustare comodamente in mezzo al prato! Con questo metodo poi

(altro…)

Orzotto al pomodoro con Feta marinata

La ricetta è tratta da un libro che non riesco a smettere di sfogliare. Jerusalem di Yotam Ottolenghi (grande chef inglese di origine ebrea)  è molto più di un libro di cucina, forse perchè la cucina stessa è molto più del semplice cucinare cibo. Questo librone spalanca una finestra su mondi per me completamente nuovi e molto affascinanti e mi ha letteralmente catturata. Mi prende il desiderio di provare tutte le ricette, subito, di mettermi alla prova con preparazioni mai nemmeno assaggiate ma delle quali sembra quasi di sentire il profumo tanto le foto sono accattivanti, gli ingredienti intriganti e le spiegazioni chiare.

Gli ingredienti meritano un capitolo

(altro…)

Vellutata di Zucca e Patate con curcuma e fiordaliso

Quante volte l’abbiamo fatta la crema di zucca in queste lunghe, buie e fredde sere invernali? Porta in tavola colore e calore, è sana e gustosa, si prepara in un attimo e si può variare con piccole aggiunte che, ogni volta, la rendono unica. Questa settimana l’ho preparata di nuovo, con le patate per togliere un po’ di dolcezza ad una zucca talmente profumata che sembrava quasi melone, aggiungendo un po’ di curcuma per arricchirla di un sapore “esotico” che, oltretutto, intensifica pure il colore arancio naturale.

Ho usato curcuma fresca ma se non ne avete basterà sostituirla con quella essiccata in polvere

(altro…)

Spaghetti con sardine e crema di fagioli, tutte scatolette

Questa sì che è una ricetta di alta cucina! Altro che preparazioni laboriose, lunghi riposi e marinate, impasti a cui dare mille pieghe, ingredienti introvabili e costosi… oggi ci diamo alle scatolette! Qualcuno tirerà un sospiro di sollievo, qualcun altro storcerà il naso, lo immagino. Sono decisamente migliori i prodotti freschi, lo sanno anche i sassi, ma i sassi sanno anche che non sempre c’è tempo per mettere in ammollo e cuocere i legumi, pulire e cucinare il pesce fresco, fare la pasta in casa, andare dall’ortolano a prendere le verdure di stagione.  

(altro…)

Anolini al Parmigiano

anolini-12b

Gli anolini in brodo sono il mio piatto preferito da sempre. Non temono rivali e mai ne avranno. É il piatto tradizionale delle feste ma crea un’atmosfera di festa anche se festa non è, scalda il cuore e ti rimette in pace con il mondo.  

anolini-27b

In Emilia la pasta all’uovo ripiena è un must, il piatto tradizionale che non poteva mancare la domenica e che, soprattutto nei giorni di festa come Pasqua e Natale, andava e va tuttora fatto rispettando rigorosamente le regole.  Regole diverse anche a pochi chilometri di distanza ma rigide e intoccabili. Chi scotta il pangrattato col brodo e

(altro…)

Lasagne con Zucca, Salsiccia e Camembert

lasagne-zucca-salsiccia-camembert-27b

Come si fa a non amare la zucca? Nei piatti dolci e nei piatti salati è la regina incontrastata dell’autunno e possiamo trasformarla in così tanti modi che potremmo cucinarla tutti i giorni senza replicare due volte lo stesso piatto. Poi magari succede che così sui due piedi non ci venga in mente niente di nuovo da portare in tavola, capita, no? Allora vi consiglio di sbirciare fra le ricette che partecipano ad un nuovo divertente gioco che ha fatto la sua comparsa su Facebook da Settembre scorso. SEI IN CUCINA, la sfida degli ingredienti. 6 Food blogger propongono ogni mese una lista della spesa con 6 ingredienti tra i quali sceglierne almeno 3 per preparare un piatto dolce o salato. Non è necessario avere un blog, anzi, basta avere voglia di cucinare e di partecipare per il solo piacere, visto che non ci sono premi in palio, e per conoscere veramente tante nuove ricette.

Ottobre non poteva che vedere la ZUCCA come ingrediente chiave

(altro…)

One-Pot Pasta, Zucchine e Pomodorini

One pot = una pentola, ovvero tutto insieme, tutto in una volta. Sporchiamo una sola pentola per cuocere pasta e sugo e non ci serve lo scolapasta. Lo ripeto per chi fosse rimasto incredulo (penso alla faccia che potrebbe fare mia mamma) prendiamo una pentola, mettiamo olio, condimento, pasta, acqua, sale, accendiamo il fuoco, mettiamo il coperchio e via.One-pot pasta (2)

A chi è venuta questa brillante idea? di preciso non lo so. La moda viene dagli Stati Uniti dove, come sappiamo, si cucina la pasta in modi spesso bizzarri. A volte ci fanno accapponare la pelle gli americani con la loro versione di piatti tradizionali che per noi sono sacri (basti pensare alla Carbonara) ma quando hanno un’intuizione felice (o forse solo il merito di averla saputa diffondere) non possiamo non condividerla. In realtà è il sistema che si usa per cucinare sulle barche, dove c’è poco spazio, poche attrezzature e le risorse devono essere ottimizzate. Il metodo si adatta bene anche alle nostre giornate lavorative perchè ci risparmia la fatica di sporcare un tegame anche per il sugo, o alle nostre ferie in piccoli appartamenti con cucine improvvisate o angoli cottura infelici. Il gusto non ne risente, anzi, non dovendola scolare, la pasta trattiene

(altro…)

Noodles di grano con zucchine, gamberi e lime

Noodles grano gamberi zucchine lime (2)

Sembrano spaghetti o tagliolini e allora perchè si chiamano noodles? Perchè non sono gli spaghetti come li conosciamo in Italia ma i loro più antichi progenitori, nati in Cina e prodotti oggi con ingredienti diversi e procedimenti diversi dalla nostra pasta. La loro produzione avviene con farina di grano tenero e non duro e vengono ricavati da una sfoglia di pasta con un basso contenuto di umidità mentre gli spaghetti vengono estrusi tramite le apposite trafile.

Ora, lo so, vi starete chiedendo

(altro…)

CONSIGLIA Strudel al rabarbaro