Biscotti bicolore per iFoodStyle

È uscito ieri il nuovo numero di iFoodStyle – dal web alla tavola, un numero importante perchè segna il primo compleanno della rivista on-line, importante perchè è ricco dei colori caldi dell’autunno ma è importante molto anche per me, perchè ho potuto contribuire con una mia ricetta.

Nella rubrica “Biscotti con la frutta secca”

(altro…)

Frollini a righe vaniglia e cacao

biscotti-vaniglia-cacao

Non sarà ora di confezionare qualche bel pacchetto di biscotti da regalare a Natale? No? Allora è sicuramente ora di coccolarsi con una bella tazza di tè o caffè e qualche goloso frollino da inzuppare, o da sgranocchiare semplicemente. Che gusto preferite, vaniglia o cacao? Capito, non si può scegliere quindi li metteremo entrambi, a strati per avere una golosa alternanza di sapori in una delizia friabile e irresistibile (si capisce che mi piacciono moltissimo?).

Sarà divertente preparali e seguendo le istruzioni e le immagini sarà anche semplice. Una volta assaggiati

(altro…)

Paste di Meliga – Biscotti con farina di mais

paste-di-meliga-23Come chiarisco nel titolo le paste di meliga altro non sono che biscotti con farina di mais. L’origine è piemontese ma si usa un po’ in tutto il nord Italia preparare dolci con la farina gialla. La più famosa è sicuramente la Torta Sbrisolona che da Mantova ha conquistato tutta la Lombardia arrivando a sconfinare in Emilia e Veneto, ma sono davvero tante le preparazioni dolci con questa farina che era essenziale nella civiltà contadina. Mia nonna faceva le frittelle con la polenta avanzata dal giorno prima, aggiungendo uova, latte e zucchero ed erano una squisitezza. 

Usare la farina di mais conferisce ai dolci un carattere rustico,

(altro…)

Salame dolce al Gianduja

C’è poco da dire, il salame di cioccolato non ha bisogno di presentazioni. Tutti l’abbiamo fatto almeno una volta nella vita, assaggiato molte più volte. Se ami il cioccolato questo è un must e poi è divertente in cucina un dolce che sembra salato o un salato che sembra dolce.  Confondere per poi stupire fa parte del gioco ed esercita sempre una forte attrattiva su chiunque. Impari a farlo da bambino, la mamma ti lascia pasticciare perchè è facile e divertente farlo insieme e quando sei grande capita di tornare a giocare ancora col cibo, risvegliando ricordi ancora più dolci del cioccolato. 

(altro…)

Caramel Shortcake variegato con frutti rossi e pistacchi

caramel shortcake variegato (4)

Sono passate più di due settimane dall’ultimo post e non vi ho nemmeno fatto gli auguri di Buon Natale, che vergogna! Spero abbiate trascorso giornate serene. Io avevo in mente tante idee da provare per le feste, sapevo che non sarei riuscita a realizzarle tutte ma almeno un paio contavo proprio di mostrarvele. Niente da fare, ho avuto qualche contrattempo e tutto è rimasto inespresso, ma le ho segnate e l’anno prossimo saranno le prime ricette che proverò a dicembre.

Questo è il periodo in cui avrei più voglia di cucinare cose sfiziose e carine, in cui c’è più fermento per la tavola e la cucina, ma è anche il periodo in cui ho in assoluto meno tempo di tutto l’anno, quindi arrivo sempre in ritardo con tutto e mi limito ad ammirare le meraviglie che preparano gli altri. Arrivo ora con un dolce non tipicamente natalizio ma che avevo già realizzato e che, in questa versione, ho leggermente vestito a festa, perchè magari siete in ferie, vi concedete un pomeriggio di relax con qualche amica e tra una chiacchiera e una tazza di tè questa è una golosità che aiuta scambiarsi gli auguri.

caramel shortcake variegato (2)

Si sono sfornati migliaia di biscotti nel periodo che precede il Natale, da regalare, per addobbare l’albero, da usare come segnaposto o semplicemente da sgranocchiare sul divano o a colazione e forse fra i più gettonati ci sono gli shortbread, o shortcake, tipici della tradizione britannica. Questa è una versione arricchita di questi biscotti classici, il cui impasto fa da base ad una specie di crostata resa golosa dal caramello e da una copertura al cioccolato. La versione standard del caramel shortcake l’ho pubblicata l’anno scorso e la trovate a questo link, qui c’è solo l’aggiunta

(altro…)

Butter Drops

butter drops (30) Letteralmente “gocce di burro”, serve che aggiunga altro?

Avete bisogno di qualche aggettivo in più per essere convinti a provarli? Vi dico, allora, che sono friabili e croccanti, che uno tira l’altro, che sono facilissimi da realizzare e che possono essere aromatizzati a piacere con zenzero, cannella, scorze di agrumi, vaniglia… chi più ne ha più ne metta. Li ho fatti nature questa volta, solo un pizzico di zenzero in polvere che appena si percepiva, giusto per dare un profumo vagamente natalizio. Si sposano alla perfezione col caffè, col tè e diventano golosi se accoppiati con una crema o del cioccolato fuso. Ma questo è solo per gli esagerati, gustateli così come sono nella loro semplice bontà!

(altro…)

Frollini alla cannella e zucchero caramellato

Frollini cannella caramello

Una bella tazza di tè alle cinque non vi scalderebbe il cuore in un giorno umido come questi autunnali? Un caffè lungo sorseggiato sul divano, accompagnato da un buon libro o un bel film, non sarebbe un bel modo di passare il pomeriggio? e una tazza di latte caldo prima di andare a dormire non sarebbe una bella coccola con l’augurio di sogni d’oro? Ed in tutte queste bevande confortanti non ci vedreste bene qualche biscottino come questi alla cannella?

(altro…)

Tartellette con Frangipane alle More (Bakewell blackberry tarts)

Bakewell tart (6)

Il titolo originale della ricetta proposta per l’ultima Re-Cake sarebbe Bakewell Cherry tarts, ma io ho usato le more del mio giardino al posto delle ciliegie e ho quindi cambiato in Blackberry, traducendo, appunto, in Tartellette con frangipane alle More (anche se la crema frangipane nel titolo non compare).

Quello che non si può tradurre è “Bakewell”. Nel gruppo Re-cake, infatti, ci si è posta la domanda sul significato di questo termine, visto che bake suona familiare quando si tratta di cuocere qualcosa in forno. Invece no, non significa infornate bene  e nulla a che vedere nemmeno con eventuali cotture nel pozzo (infatti well significa anche pozzo ). Tutto molto più semplice, si tratta solo della località in cui questa ricetta è nata, la città di Bakewell, appunto, nella contea del Derbyshire in Inghilterra. Oltre alla torta, questa cittadina di nemmeno 4.000 abitanti nell’Inghilterra centro-settentrionale, vanta pure la nascita del Bakewell Pudding, un dolce che dovremo provare al più presto! (le info le ho prese QUI, credevate che lo sapessi di mio?)

Bakewell tart (1)

Tornando a Re-cake, la sfida di luglio

(altro…)

Les Madeleines de Commercy e l’esame di terza media

IMG_9642

Marco porta le Madeleines all’esame di terza media. Sì, sì, in senso figurato ma anche letterale. Ha preparato una ricerca (si chiamavano così ai miei tempi) sulla Francia: storia, geografia, lingua e cultura e quindi anche cucina. Abbiamo studiato insieme il dolce più adatto, che avesse una storia, una nota particolare nell’origine e nella preparazione, che fosse buono e gradito ma soprattutto che io sapessi preparare.

Marco è un nipote di quelli che ti scegli per amicizia e non di quelli che ti capitano per nascita. Ha assaggiato e approvato la mia idea e abbiamo provveduto a preparare insieme le Madeleines che offrirà ad insegnanti e compagni alla fine dell’esame. Lui fotografava e io stegamavo, perché il tutto sarà pure corredato da prove provate che il prodotto è nostrano e non viene direttamente da Commercy . E mentre io scrivo questo post lui è sotto torchio.

(altro…)

Crunchy Hearts, Cuori Croccanti di Crusca con Topping di Cioccolato e Nocciole

 

 
Quest’anno voglio fare
anch’io un S.Valentino di cuori dolci, biscotti, merende, cupcakes e ogni
dolcetto a cui si possa dare la forma del cuore. Non sono una romanticona e
solitamente i cuoricini zuccherosi mi infastidiscono un po’ però la forma del
cuore è molto bella e in pasticceria diventa irresistibile. Inoltre, non essere
romantici non significa non essere innamorati quindi non posso far passare
questa festa nel silenzio più assoluto. Basta esprimersi, anche in cucina,
secondo la propria natura, quindi ho realizzato un dolce piuttosto “country”. Per
la ricetta ho leggermente modificato un classico inglese da tè (Toffee bars)
rendendolo più croccante con l’ aggiunta di crusca d’avena, poi c’è  il cioccolato che con l’amore ci sta sempre
bene e le nocciole per decorare.  Facilissimo
e delizioso.
 
L’originale
prevede di stendere l’impasto in una teglia rettangolare da circa cm. 13 x 23,
tagliando poi il dolce a fette, oppure realizzando delle formine a piacere con
un coppapasta. Per non avere scarto non ho tagliato i cuori dopo aver cotto la
base in teglia, ma ho usato diverse formine a cuore, riempite con l’impasto e
cotte in forno.
Ma iniziamo con gli ingredienti

(altro…)

CONSIGLIA Risotto al salto