Papaya in insalata con cipollotti, pomodori e nocciole

Per fare un’insalata non ci vuole la ricetta, metti tutto quello che trovi nel frigo o che ti va o che pensi stia bene insieme, condisci, mescoli e mangi. Esatto, purchè si mantenga un certo equilibrio di sapori e consistenze. Mescolare frutta e verdura è una cosa che abbiamo imparato a fare ormai da tempo quindi proviamoci anche con la frutta tropicale, perchè no?

La papaya ormai si trova con una certa facilità anche alle nostre latitudini. Certo, gustata nei paesi d’origine ha tutto un altro sapore e non solo per il fascino che evoca l’idea di gustarla sotto una palma in riva al mare ma perchè, ovvio, meno strada fa meno sapore perde.  Accontentiamoci di quel che passa il convento e se troviamo una papaya al supermercato non lasciamocela sfuggire perchè è un frutto buonissimo, versatile e ricco di sostanze benefiche per l’organismo. Poche calorie, tante fibre e vitamine, ottimo alleato della digestione; ma non mi dilungo perchè non ho l’autorità per parlarvi scientificamente dei benefici di questo frutto.

Vi parlo della sua versatilità in cucina.

(altro…)

Insalata con pere caramellate, speck, noci e gorgonzola

A casa mia la frutta non va, io ne mangio pochissima e mio marito non la vuole nemmeno vedere. Ma sappiamo tutti quanto faccia bene e sappiamo anche che non possiamo mangiare solo fragole a maggio e melone d’estate, quindi mi devo inventare qualcosa per introdurne un po’ nella nostra alimentazione. L’unico modo è infilarla a tradimento nelle pietanze salate. In questo modo a me piace tantissimo e lui la tollera quindi, appena mi capita qualche ricetta o qualche spunto per poter cucinare la frutta, mi ci butto a capofitto e, solitamente, siamo tutti soddisfatti.

Le pere si prestano brillantemente allo scopo, ideali come sono ad accompagnare formaggi e insalate. In questa insalata, in particolare

(altro…)

Insalata di Bulgur con crema di mozzarella e latte di mandorle

In realtà al bulgur in insalata potete aggiungere quasi ogni tipo di ingrediente che vi piaccia o vi ispiri, questo piatto è più un pretesto per suggerirvi un accompagnamento un po’ più originale rispetto al solito. Ho frullato una mozzarella insieme a del latte di mandorle, ispirata alla ricetta dell’Ajoblanco spagnolo, salato e pepato e ho ottenuto una crema fluida, profumata e delicata che si sposa benissimo con questa preparazione.

Questa stessa crema potete anche usarla per addensare un sugo per la pasta o un fondo per carni o verdure, al posto della panna, a me è sembrata un ‘ottima alternativa.

Per quanto riguarda il bulgur

(altro…)

Insalata di Verdure Cotte e Crude con Olive e Feta

Insalata di verdure cotte e crude 1b

Sono a dieta! Lo dico ufficialmente così se mi vedete con in bocca qualcosa di illecito siete autorizzati a sgridarmi e tirarmi per la giacchetta. Mi spiego meglio e con più onestà, diciamo che cerco di stare un po’ attenta perchè una dieta vera e propria mi spaventa solo all’idea. Sono tornata dalla Spagna con un carico di chili che proprio non mi aspettavo quindi corro ai ripari cercando di ridurre zuccheri, grassi e carboidrati.  Eppure mi sembra di aver mangiato poco! Quasi

(altro…)

Insalata tiepida di Riso Venere con Gamberi, Avocado e Verdure

Insalata riso venere, avocado, gamberi e verdure

Riso Venere, un nome che evoca immediatamente bellezza. Infatti il suo colore violaceo quasi nero lo rende molto affascinante ma è perchè lo si credeva afrodisiaco che si è meritato il nome della Dea dell’amore e della fertilità. Si tratta di un riso integrale molto profumato, dal sapore quasi tostato che ben si adatta ad accompagnare pesce e verdure. Non usatelo per un risotto perchè non rilascia amido e non lega, ma in insalata o come contorno vi regalerà grandi soddisfazioni.

(altro…)

Insalata con Pere, Noci e Crostini di Panettone

insalata con pere, noci e crostini dipanettone

La ricetta è già nel titolo, quindi arrivederci e grazie 🙂  In realtà dovrei aprire una categoria di ricette non-ricette, quelle preparazioni estemporanee in cui assembli ingredienti senza pesare, calcolare, controllare tempi e procedure. Questa ne farebbe parte, infatti non ho molto da aggiungere all’elenco degli ingredienti che appare nel titolo.

Tutto nasce dalla necessità di smaltire i dolci natalizi in modo un po’ diverso, quando ci si stanca di mangiare il panettone a colazione, il pandoro per merenda o il torrone per dessert. Dopo aver tostato delle fette di panettone per spalmarle di marmellata (cosa che vi consiglio di provare) ho pensato che sarebbero potute diventare dei crostini croccanti da aggiungere ad un’insalata. Quante volte ne abbiamo preparate con la frutta sia fresca che secca? e allora bando agli indugi!!

(altro…)

Cipollotti caramellati al Marsala e sciroppo d’acero

IMG_9444

Amo tutti i tipi di cipolle ma i cipollotti sono forse i più gustosi di tutta la famiglia. Dalle mie parti i Bavaròn, come si chiamano in dialetto, sono da sempre amatissimi e usatissimi, cucinati in tutte le salse ma soprattutto nel piatto che più di ogni altro li esalta ed esalta chi ne gusta: la fritèda cui bavaròn. La frittata coi cipollotti fa venire l’acquolina solo a nominarla e rievoca ricordi di una cucina semplice e gustosa. Mio babbo ne andava matto e gli si illuminavano gli occhi quando arrivava in tavola. Per così poco? Sì, come se non ne avesse mai mangiato, come se fosse un piatto da re.

Stavolta li ho preparati in un modo completamente diverso e che probabilmente gli avrebbe fatto storcere il naso. Non la posso nemmeno definire una ricetta ma un suggerimento di preparazione che li rende dolci, delicati e saporiti.

Sono fantastici e chiusi in frigo durano circa una settimana. Potete usarli come contorno a carni o formaggi, per arricchire un’insalata o guarnire panini e toast.

(altro…)

Insalata nel Melone con Parmigiano Reggiano e Foie Gras per #PRchef2015

PRchef2015 insamelone (21)

Nuovo contest di Parmigiano Reggiano Chef. Dopo i successi della scorsa edizione, si replica!! In realtà è la terza edizione della gara che il Consorzio del Parmigiano Reggiano propone ai food blogger, è la seconda volta per me che, con grande gioia, ho visto una mia ricetta selezionata l’anno scorso per il libro CrossCooking. Facciamo il bis? Magari!!! Il tema quest’anno è “vai all’essenza, punta all’eccellenza”.

4 ingredienti principali tra cui il Parmigiano, pochissimi ingredienti q.b. consentiti, per il resto libero sfogo alla fantasia.
All’inizio il regolamento spiazza, con 4 ingredienti che ci combini? Poi ti rendi conto che quello che sembrava un limite diventa un orizzonte e ti dà la possibilità di dimostrare quanta qualità si può ottenere con la semplicità.

PRchef2015 insamelone (14)
La semplicità non è banalità, è raggiungere l’essenza, è sincerità e schiettezza. Perché anche una fetta di pane e burro può essere una delizia se è buono il pane e se è buono il burro.

(altro…)

Insalata di Passatelli con Prosciutto di Parma, Asparagi e Piselli

IMG_8675b

Chi l’ha detto che i passatelli sono un piatto invernale? Tutti. Io per prima sono una sostenitrice del brodo fatto ad arte in cui annegare tutta la classica pasta che in Emilia-Romagna va rigorosamente fatta in brodo: tortellini, anolini, cappelletti, mezze maniche e passatelli.

Però anche la cucina si evolve, i nostri gusti si aprono a nuovi orizzonti e se hai voglia di passatelli ma non hai il brodo che fai? Li fai asciutti, con un bel sugo corposo non fanno rimpiangere il brodo della nonna. Ma se fa caldo, mi sono chiesta, come li mangi? In insalata, mi sono risposta.

Avevo dei begli asparagi, ancora un po’ di piselli freschi e qualche fetta di prosciutto di Parma. Ingredienti che, praticamente, si sono mischiati da soli. Potete aggiungere foglioline di insalata fresca, basilico, spinacino, insomma, scatenate la fantasia ma, mentre create gli abbinamenti, tenete presente che il sapore dominante deve restare quello del Parmigiano.

(altro…)

Insalata di Bulgur con Ceci, Porri Caramellati e Radicchio Rosso

 
 La prima volta che ho letto questo strano nome ho tirato diritto senza farci caso. La seconda mi ha lasciata ancora piuttosto indifferente ma qualcosa è rimasto incastrato in un angolino della mente e alla terza volta è scattata la curiosità.  Ma che sarà mai? e poi perchè a volte lo vedo scritto con la O e a volte senza, a volte con l’H e a volte senza? Ricorro a Wikipedia e scopro che lo si può chiamare, o meglio, scrivere in molti modi, bulghur, boulghour, boulgour, bulgur, boulgoul, boulghoul, bulghul o bulgul.  
Per pigrizia ho deciso di adottare la dicitura più breve.
Si tratta di un cereale, nient’altro che chicchi di grano duro germogliato che vengono sottoposti ad un processo di cottura a
vapore per poi essere essiccati e frantumati. È un alimento ricco di proteine, vitamine del gruppo B e
fibre  ed
è molto versatile in cucina. Basta farlo lessare per 15/20 minuti e lo si può
consumare sia caldo che freddo, con mille accompagnamenti e in mille soluzioni.
Ho deciso di iniziare con un’insalata, aggiungendo alcuni ingredienti che avevo
a disposizione e che  mi sembrava ci
potessero stare bene. L’esperimento è riuscitissimo e ne ho fatto subito un altro il
giorno dopo, ma ve ne parlerò in un altro post. Ecco la prima ricetta:

(altro…)

CONSIGLIA Risotto al salto