Crostata integrale con Composta di ciliegie al basilico

La prima volta che ho assaggiato il basilico in un dolce era in un gelato. Una crema con un intenso profumo di qualcosa che nessuno a tavola riusciva ad identificare; sì, si sentiva che era qualcosa di insolito per un gelato, sembrava un’erba aromatica ma c’è voluto più di un assaggio per raggiungere la soluzione. Basilico! esatto, proprio lui…e finalmente potevamo assaporarne il profumo con totale soddisfazione, perchè la mente ormai era a riposo e tutto era concesso ai sensi. Complimenti ad Alessandro, lo chef che ce lo aveva proposto.

Come mi sia venuto in mente di aggiungerlo ad una composta di ciliegie è stato per puro caso. Stavo preparando il sugo per la pasta mentre lavavo delle splendide ciliegie. Come potete immaginare, mentre le lavavo ne mangiavo pure qualcuna (no, ma poche eh…) e gustavo la loro dolcezza mentre mi saliva il profumo del basilico che stavo aggiungendo al sugo. Il mio cervello ha mischiato profumo e sapore e ha deciso che era un bel mix. Fatto! basilico aggiunto alle ciliegie con cui ho fatto una composta immediatamente dopo. Però ne avevo già mangiate un po’ troppe e la quantità di composta che mi è uscita la prima volta non bastava a riempire una crostata quindi ce la siamo goduta sul gelato (motivo per cui vi consiglio di farne un po’ più dello stretto necessario).

Ho quindi ripetuto “l’esperimento” e ho usato la composta in una crostata. Con la doppia cottura, nella crostata si avverte un po’ meno il profumo del basilico, vedete voi se aggiungerne un po’ ma direi che, almeno per provare, bastano 5 o 6 foglie (di più se sono piccole).

Crostata integrale con Composta di ciliegie al basilico

Ingredienti per la composta:

  • 500 g di ciliegie snocciolate
  • 120 g di zucchero semolato
  • 100 ml di acqua
  • 5 o 6 foglie di basilico

Ingredienti per la base:

  • 260 g di farina integrale
  • 130 g di burro
  • 100 g di zucchero
  • 3 tuorli
  • 1 pizzico di sale
  • 4 g di lievito per dolci

Procedimento:

  1. Potete preparare la composta anche con diversi giorni di anticipo e conservarla in frigo: mettete tutti gli ingredienti in un pentolino (ciliegie senza nocciolo né picciolo, ovviamente) e fate cuocere per una ventina di minuti circa, le ciliegie dovranno essere morbide ma non sfatte.
  2. Usando un mestolo forato togliete le ciliegie dal pentolino e trasferitele in un vaso o altro contenitore e proseguite la cottura dello sciroppo per altri 10/15 minuti o fino a quando si sarà ulteriormente ridotto (tenete conto che poi raffreddando si addenserà). Una volta pronto, eliminate le foglie di basilico e versate lo sciroppo sulle ciliegie. Tenete da parte.
  3. Lavorate il burro con lo zucchero e quando avrete ottenuto una crema aggiungete i tuorli, la farina, sale e lievito e proseguite ad impastare la frolla, senza lavorarla più del necessario.
  4. Formate un panetto e mettetelo in frigo, avvolto in pellicola, a riposare.
  5. Trascorsa almeno un’oretta riprendete la pasta frolla e stendetela foderando una teglia imburrata e infarinata. Rifilate i bordi, bucherellate la base con una forchetta per non farla gonfiare in cottura e riempitela con la composta di ciliegie.
  6. Stendete la frolla avanzata col mattarello e realizzate delle formine con un tagliabiscotti con le quali decorare la superficie della crostata.
  7. Infornate a 180°C in forno caldo per circa 30/40 minuti o fino a doratura.
  8. Sfornate e fate raffreddare la crostata nello stampo, poi sformate e servite.

Comments

Leave a Comment toMimma Morana

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

CONSIGLIA Foresta di alberi innevati