Risi e Bisi

Vado da mia mamma, è quasi l’una e sta guardando “La prova del cuoco”. Quasi non mi saluta e mi chiede subito, forse per paura di dimenticarsene, “conosci un’erba che si chiama…” si alza e prende un foglietto dove si era appuntata il nome del misterioso ortaggio “…agretti?”. Sì, le rispondo, guarda caso li ho cotti proprio stamattina, stasera voglio farli con un bell’ovetto in camicia. Mi guarda meravigliata (nella sua lunga esperienza di massaia non li aveva mai sentiti nominare) ma soddisfatta (ha una figlia che conosce anche piante che chissà da dove vengono).  Allora io cavalco l’onda della reputazione che mi sono appena fatta e le chiedo se abbia mai cucinato i baccelli dei piselli. “Ah no di certo!” Hai fatto male, perchè sono buonissimi ed è un vero peccato sprecare questa squisita risorsa. Mi guarda ancora più stupita ma molto incuriosita da questa notizia. Le spiego che li ho usati per fare il brodo di verdura insieme alla triade classica sedano-carota-cipolla per tirare un risotto ai piselli. Il brodo con l’aggiunta dei baccelli arricchisce il sapore dei piselli e aggiunge una note dolce molto gradevole. Le spiego che ho poi riutilizzato ulteriormente i baccelli una volta cotti, frullandoli e passandoli poi al setaccio per eliminare le fibre; ho aggiunto la crema così ottenuta alla frittata, gusto e colore per un recupero intelligente e saporito.

Mia mamma che mi dice “brava!” non è esattamente cosa da tutti i giorni.

L’origine di questo piatto è veneta, Risi e bisi, ovvero riso e piselli. Si prepara come un classico risotto ma va tenuto bene all’onda, un po’ più bagnato di un risotto, un po’ troppo asciutto per una minestra. Questa è una delle caratteristiche che ho più apprezzato di questa preparazione, insieme al profumo dolce dei piselli, esaltato dall’uso dei baccelli per fare il brodo. É semplice da preparare e piacerà sicuramente anche ai bambini. Approfittiamo della verdura di stagione e portiamo in tavola un po’ di primavera, oggi abbiamo il sole ma non so quanto durerà

Print Recipe
Risi e Bisi
Un gustoso piatto che nasce in Veneto, buono e intelligente perché ci insegna a recuperare i baccelli dei piselli
Tempo di preparazione 30 minuti
Tempo di cottura 30 minuti
Porzioni
4 persone
Ingredienti
  • 1 sedano
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • 300 g baccelli di piselli
  • 350 g piselli sgusciati (ovvero circa 800 g col baccello)
  • 320 g riso Carnaroli
  • 1 scalogno
  • qb olio extravergine d'oliva
  • 1 noce burro
  • qb parmigiano reggiano grattugiato
Tempo di preparazione 30 minuti
Tempo di cottura 30 minuti
Porzioni
4 persone
Ingredienti
  • 1 sedano
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • 300 g baccelli di piselli
  • 350 g piselli sgusciati (ovvero circa 800 g col baccello)
  • 320 g riso Carnaroli
  • 1 scalogno
  • qb olio extravergine d'oliva
  • 1 noce burro
  • qb parmigiano reggiano grattugiato
Istruzioni
  1. Mettete a bollire le verdure per fare il brodo, ovvero sedano carota e cipolla e i baccelli dei piselli cui avrete tolto il filo che li tiene uniti e il picciolo. Regolate di sale.
  2. Affettate lo scalogno (due se sono molto piccoli) e fatelo appassire in un tegame velato da un filo d'olio e.v.o.
  3. Aggiungete i piselli sgusciati e fate insaporire per alcuni minuti, rigirando per non farli attaccare.
  4. Unite il riso e fatelo tostare a fuoco piuttosto vivace per qualche minuto, mescolando.
  5. Abbassate la fiamma e iniziate ad aggiungere il brodo, un paio di mestoli alla volta. Mescolate e aggiungete il brodo via via che il precedente sarà assorbito.
  6. Portate il riso a cottura secondo le istruzioni (circa 20 minuti, comunque assaggiate) mantenendolo ben all'onda. Quindi, se fosse già cotto e molto asciutto, aggiungete un altro mestolo di brodo.
  7. Spegnete il fuoco, mantecate con una noce di burro e una bella spolverata di Parmigiano-reggiano e servite

Tags: , ,

Comments

  1. Leave a Reply

    Vale
    19 maggio 2017

    è proprio adesso la stagione di risi e bisi, no? Buona giornata 🙂

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

CONSIGLIA Blini con pesto di pomodorini secchi, basilico e mandorle