Marmellata di Fragole con Miele e Limoncello

“Strawberry fields foreverer” cantavano i Beatles negli anni 60, “Campi di fragole per sempre”. Forse però non tutti sanno che “Strawberry Field” non era un campo di fragole ma un orfanotrofio di Liverpool nel cui giardino John Lennon andava a giocare da bambino coi suoi amici. Forever, ovvero il desiderio di tornare bambini e di rivivere per sempre l’età dell’innocenza e della spensieratezza.

Nel nostro immaginario, l’infinito campo di fragole che ci ispira questa canzone, ci fa sognare la primavera, trasmette un senso di pace, sa di ritorno alla natura, alla lentezza e alla genuinità della vita. Le fragole sono la primavera, belle con quel colore rosso acceso che le rende così attraenti, buone, così dolci e succulente e tanto preziose perchè la loro stagione è breve e intensa. Per questo sono fra i frutti più usati in marmellate e confetture e sono anche le prime a finire nei vasi. Chi non ha mai fatto una marmellata di fragole? Questo è il momento giusto per fare scorta di dolcezza e colore per il prossimo inverno.

Due anni fa ho pubblicato la ricetta della marmellata di fragole al cacao (QUI) quest’anno ve la propongo in una versione molto profumata. Ho parzialmente sostituito lo zucchero col miele, aggiunto un limone, necessario per l’apporto della pectina che aiuta ad addensare la marmellata, e già che c’ero ho pensato di intensificare l’aroma di limone con l’aggiunta di un goccio di Limoncello (quello fatto da me lo trovate QUI). Non vi fate spaventare dalla presenza dell’alcol -ce ne va poco poco e col calore evapora-  il Limoncello è un concentrato di oli essenziali del limone e trasformerà la vostra marmellata in qualcosa di più della solita marmellata di fragole. 

Marmellata di Fragole con Miele e Limoncello

Ingredienti:

  • 1 kg. di fragole pulite, mature e intatte
  • 650 g di zucchero
  • 150 g di miele (millefiori, acacia o arancio)
  • 1 limone non trattato
  • 1 bicchierino di Limoncello (di Amalfi) ovvero circa 50/60 ml

Procedimento:

  1. Una volta mondate e lavate le fragole, tagliatele a pezzi, pesatele e mettetele in una pentola di acciaio.
  2. Per ogni kg. di fragole aggiungete 650 g di zucchero, incoperchiate e lasciate macerare al fresco per circa un paio d’ore (anche un po’ meno, non di più perchè formerebbero troppo liquido e sarebbe poi più lunga la cottura)
  3. Trascorso il tempo di macerazione mettete la pentola sul fuoco, aggiungete il miele, la scorza e il succo del limone.
  4. Fate cuocere per circa 40 minuti, mescolando di tanto in tanto e facendo attenzione che la marmellata non bolla troppo forte.
  5. Frullate la polpa delle fragole con un frullatore ad immersione, aggiungete il Limoncello e proseguite la cottura per un’altra mezz’ora circa. Valutate la consistenza della marmellata versandone un cucchiaino su un piattino, tenendo conto che raffreddandosi si addenserà ulteriormente.
  6. Nel frattempo lavate i vasi di vetro e sterilizzateli, insieme ai coperchi, in forno a 150°C per circa 20 minuti.
  7. Invasate la marmellata calda, tappate e capovolgete i vasi. In questo modo creerete l’effetto sottovuoto che consentirà alla vostra preparazione di durare diversi mesi. Quando i vasi sono freddi (temperatura ambiente) rigirateli e riponeteli in dispensa.

Note:

  1. Potete sterilizzare i vasetti vuoti anche facendoli bollire ma personalmente preferisco il sistema forno perchè mi evita di doverli asciugare ed è più pratico e sicuro.
  2. Se raddrizzando i vasi vi accorgeste che qualcuno non ha tenuto (basta schiacciare il centro del coperchio, se si abbassa e fa clic non è fatto) potete ritentare la sterilizzazione facendo bollire il vasetto per circa 30 minuti, oppure conservate in frigo e consumate entro pochi giorni.
  3. I tempi di cottura sono indicativi e relativi alla quantità di fragole della ricetta. Meno fragole meno tempo, più fragole più tempo.

Marmellata di fragole

Comments

Be the first to comment.

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

CONSIGLIA Risotto al salto