Fluffosa variegata al limone e pistacchi

 Qual è il colore della primavera? Tutti i colori  dell’arcobaleno, sicuramente, ripresi dai fiori in mille sfumature ma il primo colore che vi viene in mente non è forse il verde? A me sì, il verde fa primavera, e non posso evitare di cucinare in verde con l’arrivo della bella stagione. Con le verdure è facile, va da sé, ma con i dolci serve un pochino più di impegno. In questa ciambella ho usato i pistacchi, che amo sia nel dolce che nel salato, per creare delle venature verdi tra un impasto al limone. Freschezza e gusto, dolcezza e profumo, una meraviglia sia per gli occhi che per il palato. Potete adattare questo abbinamento tra pistacchi e limone a qualsiasi altro tipo di dolce ma qui, nella Fluffosa, una ciambella sofficissima, altissima e leggera mi sembra che questi due elementi siano valorizzati. Un po’ perchè l’altezza del dolce consente più striature, un po’ perchè la sua leggerezza è esaltata dalla freschezza del limone che si alterna al gusto e al profumo dei  pistacchi.
 
Per fare una Fluffosa, nata col nome di Chiffon Cake negli USA, occorre l’apposito stampo coi piedini. Stampo che non va unto per consentire alla ciambella di crescere fino in cima e che va poi capovolto a testa giù appena sfornato, facendolo appoggiare sui piedini fino a raffreddamento. Per togliere la torta dallo stampo occorre passare la lama sottile di un coltella lungo le pareti, cosa che crea qualche imperfezione sia sul contorno che sulla superficie. Potete presentarla capovolta (ovvero con la parte che in cottura stava alla base) per avere una superficie piatta da decorare, oppure com per una normale torta con la superficie screpolata in alto, è sempre bellissima e basterà una spolverata di zucchero a velo. Qui, per riprendere i sapori dell’interno, ho decorato con una glassa al limone “tempestata” di pistacchi spezzettati.
 
Devo dilungarmi a spiegarvi quant’è buona o vi ho già convinti a provarla?  

 
Fluffosa variegata al limone e pistacchi
 
Ingredienti per uno stampo da chiffon cake da 18 cm
Per l’impasto ai pistacchi:
  • 70 g di farina 00
  • 30 g di farina di pistacchi
  • 90 g di zucchero
  • 2 tuorli
  • 40 g di olio di semi
  • 70 g di acqua
  • 1/2 bustina di lievito

Per l’impasto al limone:

  • 90 g di farina 00
  • 90 g di zucchero
  • la scorza grattugiata di un limone non trattato
  • 2 tuorli
  • 40 g di olio di semi
  • 70 g di succo di limone
  • 1/2 bustina di lievito

Per completare:

  • 4 albumi
  • 1 bustina di cremor tartaro
  • 200 g di zucchero a velo
  • q.b. succo di limone (o acqua)
  • una manciata di pistacchi spezzettati 
Procedimento
  1. Preparate, in due ciotole separate, gli ingredienti per i due impasti: gli ingredienti secchi poi, nell’ordine, l’olio di semi, i tuorli, l’acqua (o il succo).
  2. Mescolate con una frusta per ottenere un impasto liscio e omogeneo
  3. Montate a neve gli albumi col cremor tartaro e distribuite la neve metà sull’impasto ai pistacchi e metà sull’impasto al limone, amalgamandoli delicatamente.
  4. Versate i due composti  nello stampo da chiffon cake NON unto , alternando le due preparazioni ed infornate in forno caldo.
  5. Cuocete a 160°C per i primi 40 minuti, poi portate a 175°C per altri 20 minuti circa. Fate la prova stecchino (in questo caso spiedino) per verificare la cottura.
  6. Togliete lo stampo dal forno e capovolgetelo facendolo appoggiare sui piedini appositi. 
  7. Raddrizzate lo stampo quando il dolce si sarà raffreddato e, aiutandovi con un coltello dalla lama liscia e sottile, sformate la Fluffosa.
  8. Preparate la glassa facendo sciogliere lo zucchero a velo in una ciotola con un cucchiaio di succo di limone. Dovrete avere una consistenza fluida ma densa quindi aggiungete veramente pochissimo liquido per volta.
  9. Quando la glassa si sarà ulteriormente rassodata versatela sulla superficie della torta lasciando che coli liberamente lungo i bordi. Distribuite la granella di pistacchi sulla superficie e servite una volta che la glassa sarà perfettamente asciutta 

Note:

Per ottenere la farina di pistacchi basterà tritare finemente dei pistacchi non salati. Per evitare che il trito si impasti, frullate i pistacchi insieme allo zucchero ed otterrete una farina bella “sabbiosa”.

 

 

Comments

    • Leave a Reply

      Cecilia Concari
      24 maggio 2017

      Sì, vedrai, anzi, sentirai che bontà Grazia.
      Poi fammi sapere e se hai bisogno, sono qui. Grazie mille, ciao!

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

CONSIGLIA Involtini di peperoni e quinoa