Vellutata di Zucca e Patate con curcuma e fiordaliso

Quante volte l’abbiamo fatta la crema di zucca in queste lunghe, buie e fredde sere invernali? Porta in tavola colore e calore, è sana e gustosa, si prepara in un attimo e si può variare con piccole aggiunte che, ogni volta, la rendono unica. Questa settimana l’ho preparata di nuovo, con le patate per togliere un po’ di dolcezza ad una zucca talmente profumata che sembrava quasi melone, aggiungendo un po’ di curcuma per arricchirla di un sapore “esotico” che, oltretutto, intensifica pure il colore arancio naturale.

Ho usato curcuma fresca ma se non ne avete basterà sostituirla con quella essiccata in polvere, uno o due cucchiaini secondo il vostro gusto. La radice fresca non l’avevo mai provata finora  e devo ammettere che ha un profumo delizioso, intenso ma nello stesso tempo meno pungente di quella in polvere. Forse ha un minor potere colorante ma in questo caso avevo già una zucca dal colore forte e brillante che ha fatto la sua parte.

E del fiordaliso non vi dico nulla?  Certo che ve ne parlo, l’ho lasciato in ultimo apposta perchè è stato una grande scoperta. Lunedì sono andata un po’ in giro con mio marito alla ricerca di ingredienti e prodotti diversi per uscire un po’ dalla routine dei soliti piatti in cucina e, in un negozio specializzato, ho trovato anche qualcosa che non stavo decisamente cercando. Tra mille spezie, sali, tè e caffè di ogni origine e sapore, tra mille vasetti e profumi sono stata subito attratta da buste di fiori essiccati. I fiori commestibili si trovano adesso abbastanza facilmente ma io li ho sempre visti freschi e quasi mai comprati (se non hai in programma di usarli a breve rischi di doverli buttare) mentre quelli secchi non mi erano mai capitati sott’occhio. Sulle indicazioni c’era scritto “ottimi con risotti, zuppe, gnocchi e salse di formaggio” e il mio pensiero è andato subito alla vellutata di zucca! Non solo ornamentali, i petali di fiordaliso hanno anche un delicato profumo di erba e fieno che dona ai piatti un che di campestre, primaverile direi, e ben si adattano a questa vellutata dal sapore dolce e delicato.

Vellutata di zucca e patate con curcuma e fiordaliso
 
Ingredienti per 5 persone
  • 500 g di zucca pulita
  • 400 g di patate
  • 2 cm di radice di curcuma (o un cucchiaino di polvere)
  • un filo d’olio e.v.o.
  • sale e pepe q.b.
Per completare
  • crostini di pane
  • petali di fiordaliso essiccati
Procedimento
  1. Sbucciate le patate e tagliatele a pezzi. Tagliate anche la polpa della zucca.
  2. Scaldate un filo d’olio e.v.o. in una pentola e fate insaporire patate e zucca per qualche minuto, mescolando.
  3. Sbucciate la radice di curcuma e aggiungetela nella pentola.
  4. Versate acqua sulle verdure fino a coprirle a filo e portate a bollore.
  5. Quando l’acqua bolle salate e abbassate la fiamma, facendo cuocere la preparazione fino a che le verdure saranno tenere (ci vorranno circa 20 minuti, secondo la dimensione dei pezzi)
  6. Con un frullatore a immersione riducete le verdure in crema, regolate di sale ed aggiungete un po’ d’acqua bollente se la crema fosse troppo densa.
  7. Passatela al setaccio per avere una consistenza liscia e vellutata e pepate a piacere.
  8. Servite la vellutata con crostini di pane abbrustolito e una manciata di petali di fiordaliso essiccati.
Note
  1. Se volete un sapore più deciso potete aggiungere anche una cipolla alla base di verdure.

Comments

  1. Leave a Reply

    Mary Vischetti
    19 gennaio 2017

    Che incanto questa zuppa Cecilia! È un conforto per gli occhi prima ancora che per il palato! Originalissima l’aggiunta dei petali di fiordaliso… Bravissima!
    Un abbraccio,
    Mary

    P.S. Oggi ho fatto gli spaghetti integrali con crema di cannellini e pomodorini. Inutile dire che erano deliziosi! Grazie mille per l’idea😉

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

CONSIGLIA Blini con pesto di pomodorini secchi, basilico e mandorle