Challah alle mele

challah

La Challah è un pane soffice, arricchito con uovo e miele, che ha origini ebraiche e che, secondo la tradizione, viene consumato per lo shabbat, il giorno di festa per gli Ebrei cioè il sabato. Tradizionalmente la forma è a treccia a tre, quattro o sei capi ma questa versione, così come proposta dal gruppo Re-Cake, aggiunge un certo fascino ad una preparazione già interessante in partenza. Fare le rose è più complicato da spiegare che da realizzare, ho cercato di rendere l’idea nella scheda della ricetta ma se avete difficoltà andate sul blog Re-cake a vedere il video (link QUI).

Secondo il regolamento del gioco la ricetta può essere personalizzata, rendendola dolce o salata, modificando alcuni ingredienti ma mantenendo invariata la sostanza. Cos’ho combinato io? Ho messo una mela al centro per aiutare il pane a lievitare e cuocere in forma di corona. No, non è un’idea geniale per avere anche la mela cotta, mi sono solo ricordata del sistema che usava mia mamma per fare la ciambella quando non aveva lo stampo. Da bambina non lo apprezzavo perché mi infastidiva che la ciambella sapesse di mela, ora ho addirittura aggiunto uno sciroppo di mela cotta, acqua e miele, sulla superficie che rende il pane ancora più morbido.

In questo modo avrete un pane che tende al dolce, ideale per la colazione o la merenda, che potrete spalmare con marmellate, creme o formaggi. Nello stesso tempo la dolcezza della mela si adatta anche ad accompagnare piatti salati, sarà un contrasto delizioso.

challah

E mentre scrivo il post succede pure che si avvicina il 27 gennaio, giornata della memoria dell’Olocausto. Il pensiero va spontaneamente alle vittime di questo orrore e questa ricetta, per quello che può valere, diventa anche un omaggio ad un popolo e alle sofferenze che ha dovuto e che deve ancora, purtroppo incredibilmente, subire.

Challah Collage

Challah alle mele
 
Ingredienti
  • 500 g di farina 00
  • 10 g di sale
  • 25 g zucchero semolato
  • Una bustina di lievito di birra secco (7 g)
  • 1 uovo grande
  • 40 ml di olio vegetale
  • 40 g miele
  • acqua tiepida q.b. (almeno 60 ml)
  • 2 mele
  • 1 cucchiaio di miele
Procedimento
  1. Setacciate la farina nella ciotola della planetaria o del robot, aggiungete il lievito e lo zucchero, mescolate per incorporare bene.
  2. Aggiungete l’uovo, l’olio e il miele e impastate utilizzando il gancio, facendo scendere l’acqua tiepida a filo. Aggiungete il sale ed eventualmente altra acqua, l’impasto dovrà essere morbido.
  3. Lavorate fino ad ottenere un impasto liscio e morbido.
  4. Trasferite la palla formata con l’impasto in una ciotola leggermente unta di olio, ungete appena anche l’impasto e coprite con pellicola trasparente. Lasciate lievitare fino al raddoppio (circa 2 ore )
  5. Rivestite di carta forno una teglia e mettete al centro una mela lavata e asciugata.
  6. Dividete l’impasto lievitato in due e stendete le due parti fino ad un’altezza massima di mezzo centimetro. Con uno stampino o una coppetta ricavate dei cerchi diametro 12 cm. circa. Per fare le rose dovrete avere un numero di cerchi multiplo di 4.
  7. Sistemate i cerchi in fila per quattro, sovrapponendone uno sulla metà del precedente. Arrotolate poi la fila di cerchi e tagliate a metà il rotolo ottenuto. Appoggiatelo dalla parte piatta, sulla parte superiore noterete già l’effetto petali.
  8. Sistemate le rose ottenute nella teglia intorno alla mela, lasciando un paio di cm. di distanza. Ripetete l’operazione fino ad esaurire la pasta e completate la teglia. Coprite e lasciate lievitare per 40/50 minuti.
  9. Scaldate il forno e cuocete la Challah a 180 °C per circa 25/30 minuti fino alla doratura
  10. Nel frattempo affettate l’altra mela sbucciata e cuocetela in un tegamino con un cucchiaio di acqua. Quando sarà spappolata frullatela leggermente con un minipimer o passatela al setaccio per ottenere una crema liscia. Aggiungete eventualmente altra acqua e un bel cucchiaio di miele. Dovrete ottenere la consistenza di uno sciroppo piuttosto denso.
  11. Togliete la teglia dal forno e versate lo sciroppo di mela sulla superficie della Challah ancora calda.
Note
  1. Meglio consumare la Challah entro le 24 ore ma potrete tranquillamente congelare le rose singolarmente una volta cotte.
  2. Se non vi piace la mela cotta potrete usare un coppapasta o uno stampino per dolci per ottenere la forma a corona.

challah

challah

Trovate la ricetta originale proposta dal team Re-Cake sul blog a questo link

recake challah

 

Comments

  1. Leave a Reply

    Gianni B.
    27 gennaio 2016

    Sublime bellezza, sublime delizia, ti ringrazio, un caro saluto.

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

CONSIGLIA Risotto al salto