Ketchup di Banane

 
Oh yes! Avete capito bene. È una deliziosa salsina agrodolce leggermente
piccante che, come l’originale col pomodoro, accompagna perfettamente carne,
pesce, verdure, uova e, ovviamente, patatine. Ho cercato la ricetta in rete e
ho scoperto che è un prodotto molto diffuso nelle Filippine dove pare lo mettano
dappertutto. Io l’ho assaggiato in Martinica, nelle
Antille Francesi, quando sono andata a trovare mia cugina Sophie che insegnava
là. Mio marito mi rinfaccia ancora di avergli fatto rinunciare ad un pomeriggio
su una spiaggia da sogno o ad una camminata in mezzo alla foresta, per andare a
visitare il Museo della Banana. E invece la visita è stata molto istruttiva e
proficua(:-D), quando mai l’avremmo assaggiato il ketchup di banane? 
Si chiama museo ma in realtà è un bananeto
gigantesco in cui si passeggia liberamente tra 300 varietà di piante di banana
(e già questa è una notizia!), dopo aver visitato una sala in cui si apprendono
informazioni di ogni genere su questo frutto e che si conclude con una
degustazione di prodotti a base di???……Banane…. giusto!!

 
 
Ho portato a casa qualche bottiglietta di questo ketchup per me e le
mie sorelle, ma le scorte si sono da tempo esaurite, quindi devo provvedere
all’autoproduzione. Le ricette che ho trovato prevedono anche l’uso del
pomodoro, che rende la salsa rossa così da imbrogliare i commensali, ma io l’ho
mangiato giallo e giallo lo volevo rifare. Quindi ho fatto di testa mia, usando
gli ingredienti indicati sull’etichetta, con qualche piccola personalizzazione
“casalinga” quindi molto più naturale. Infatti, dato che la polpa della
banana è bianca, la salsa non è gialla come quella industriale che doveva, come
tutti i prodotti in commercio, evocare immediatamente il colore del frutto ma
che, in realtà, è il colore della buccia.  
Ed ecco, finalmente, la ricetta:
 

 

 
Per avere circa mezzo chilo di ketchup:
2 banane
½ cipolla bianca
1 spicchio d’aglio
50 g di uva passa
10 cl di aceto di mele
10 cl di acqua
1 cucchiaio di sciroppo d’acero
50 g  di zucchero
1 cucchiaino di sale
Zenzero, Pepe, Peperoncino e Noce Moscata
 
 
Reidratate
l’uva passa, scolatela e strizzatela poi mettetela nel mixer e tritatela
insieme alla cipolla, l’aglio e alle banane sbucciate e tagliate a rondelle.
Aggiungete l’aceto poi trasferite questo puré in un pentolino col fondo
pesante. Aggiungete l’acqua, lo zucchero e lo sciroppo d’acero, salate, pepate
e, a piacere, aggiungete un pizzico di zenzero e di peperoncino macinati. Portate
a ebollizione mescolando di tanto in tanto, abbassate un po’ la fiamma e fate
cuocere per circa 20/30 minuti, mescolando spesso. Quando la salsa è densa e
cremosa aggiungete una grattatina di noce moscata, mescolate e spegnete il
fuoco. 
Considerate
che poi solidifica raffreddando, quindi non fatela addensare troppo.
Quando è
fredda invasate e conservate in frigorifero per qualche giorno. Vi consiglio di
prepararla il giorno prima perché è migliore consumata il giorno dopo. Potete
anche invasarla in vasetti sterilizzati, chiudere ermeticamente e conservare
per mesi.
 
 

 

Vi
stupirà tanto è buona e sfido il palato più esperto a riconoscere l’ingrediente
principale. 

 

 
 

Comments

  1. Leave a Reply

    Elisabetta Brustio
    15 settembre 2014

    Ah, questa la devo proprio provare!!!!! Sfiziosa ed Originale… sono proprio curiosa di assaggarla!!!!

  2. Leave a Reply

    Ale
    15 settembre 2014

    Pensavo di aver letto male ma, leggendo il procedimento, ho capito che mi ispira un sacco!!!

    • Leave a Reply

      ideeinpasta
      16 settembre 2014

      Guarda Sabry, ad assaggiarla non sembra tanto originale, solo se sai che è stata fatta con le banane acquista fascino, altrimenti è una normalissima (e buonissima) salsa agrodolce.
      Grazie, ciao!!!

  3. Leave a Reply

    Lory B.
    16 settembre 2014

    Non sai che curiosità… ho preso nota di tutto, domani acquisto le banane e provo!!!!
    Grazie infinitamente per avermi avvisato, ho cercato di contattare il sito senza successo, domani vedrò cosa fare!! Tu hai risolto??
    Un abbraccio e ancora grazie!!!!

    • Leave a Reply

      ideeinpasta
      16 settembre 2014

      no, per niente, nel frattempo ho trovato 3 ricette copiate. Sulla pagina FB ho cercato di inviare messaggi per far rimuovere i miei post, ma c'è un blocco e non passano. La rete si sta mobilitando
      Grazie mille, ciao!!

  4. Leave a Reply

    Yrma
    17 settembre 2014

    Mi piace moltissimo l'idea di una ricetta esotica cosi accattivante!! Ottima ricetta Cecilia e grazie a te per avercela fatta scoprire! Un abbraccio

    • Leave a Reply

      ideeinpasta
      19 settembre 2014

      Grazie a te! in effetti le banane si prestano ad un sacco di preparazioni inconsuete (almeno per noi)
      baci, a presto!

  5. Leave a Reply

    Tra Cucina & Realtà cucinaerealta.blogspot.it
    12 marzo 2015

    Mmm quante cose buone e particolari che si trovano incontrando altri blog! Ciao Cecilia, sono Lisa di "Tra Cucina & Realtà", piacere di conoscerti! Aaahah ma gli uomini non vedono mai oltre il proprio naso, pochi colgono il senso di tutto ciò che c'è dietro, e hai fatto bene ad insistere per la passeggiata tra i bananeti 🙂 se hai scoperto le potenzialità e versatilità di questo frutto! Colgo l'occasione di invitarti se hai piacere, a partecipare alla mia "Linky Party Easter Eggs & Spring colors" che durerà fino al 2 aprile 2015! Devi solo seguire una regolina semplicissima, ti lascio qui il link per saperne di +.. http://cucinaerealta.blogspot.com/2015/02/1-linky-party-easter-eggs-e-spring-colors-in-concomitanza-giveaway-handmade-easter-e-linky-party-Eventi-pasquali-Tra-Cucina-e-Realta-Lisa.html .. Un abbraccio!

    • Leave a Reply

      ideeinpasta
      14 marzo 2015

      ciao Lisa, scusa se rispondo solo ora ma Telecom mi ha tagliato l'adsl per 10 giorni torno solo ora
      Grazie mille, passo a trovarti

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

CONSIGLIA Risotto al salto